Programmi federali di promozione della cooperazione bilaterale nella ricerca con Paesi prioritari

Nel periodo 2017–2020 il Consiglio federale continuerà ad assegnare grande importanza alla cooperazione internazionale con partner stranieri attivi nei settori della scienza e dell’innovazione. Si servirà principalmente di tre strumenti: i programmi bilaterali, le attività pilota e la rete swissnex.

Durante il periodo precedente (2013–2016), nel quadro di programmi bilaterali sono state finanziate circa 500 cooperazioni di ricerca con i Paesi BRICS, il Giappone e la Corea del Sud. In questo modo la Svizzera ha contribuito a consolidare all’estero la sua immagine di Paese all’avanguardia nel settore ERI e a facilitare la cooperazione extraeuropea con Paesi strategicamente importanti. L’accento è stato posto sull’eccellenza scientifica, sui bisogni condivisi e sul finanziamento comune delle attività di ricerca, in conformità con la strategia internazionale ERI approvata dal Consiglio federale nel 2010.
Nello stesso periodo sono state visitate regioni con forti potenzialità di sviluppo secondo i criteri della strategia suddetta, nelle quali sono stati finanziati alcuni progetti pilota mirati. Il modello delle «leading house» – scuole universitarie svizzere che gestiscono i programmi – si è rivelato ancora una volta particolarmente utile ed efficace per stabilire rapporti privilegiati e sperimentare nuovi strumenti di cooperazione in materia di ricerca. Tra il 2013 e il 2016 sono state finanziate circa un centinaio di attività pilota con questi nuovi Paesi e regioni, che si sono aggiunte ai progetti sostenuti dal Fondo nazionale svizzero (FNS) nel quadro del suo mandato relativo allo sviluppo delle attività bilaterali, in particolare in Argentina e nel Sud-est asiatico.

Obiettivi per il periodo 2017–2020

Nel periodo 2017–2020 i programmi di cooperazione bilaterale con i Paesi BRICS, il Giappone e la Corea del Sud proseguiranno sulla base dei medesimi principi. D’intesa con le organizzazioni partner di questi Paesi, il FNS pubblicherà a scadenze regolari bandi di concorso per progetti congiunti di ricerca (link). Le collaborazioni scientifiche con i Paesi identificati nel periodo ERI precedente sono ancora agli inizi e vanno sviluppate, laddove possano offrire un valore aggiunto per la Svizzera.

In accordo con swissuniversities sono state scelte le sei leading houses a cui affidare la gestione dei programmi bilaterali:

La SEFRI ha assegnato a queste scuole universitarie il ruolo di Leading House, definendo gli obiettivi strategici seguenti:

  1. contribuire alla crescita della cooperazione scientifica tra la Svizzera e i Paesi con elevate potenzialità nelle aree geografiche di competenza, sviluppando strumenti di cooperazione e tenendo conto degli interessi della comunità scientifica svizzera;
  2. promuovere presso i ricercatori svizzeri la conoscenza dei Paesi con elevate potenzialità nelle aree geografiche di competenza, condividendo con gli attori svizzeri del settore ERI le informazioni sui contatti disponibili e l’esperienza maturata in relazione a queste aree;
  3. garantire la rappresentanza degli interessi della comunità scientifica svizzera nei confronti di potenziali partner stranieri nell’area geografica di competenza.

Il credito complessivo destinato ai programmi bilaterali gestiti dalle Leading Houses per il periodo 2017–2020 ammonta a 14,35 milioni.  

Leading-House

Contatto

SEFRI, Mauro Moruzzi

Capodivisione
Relazioni internazionali
Einsteinstrasse 2
CH-3003 Berna

T +41 58 462 68 36

Stampare contatto

https://www.sbfi.admin.ch/content/sbfi/it/home/temi/cooperazione-internazionale-nel-campo-della-ricerca-e-dell-innov/cooperazione-bilaterale-nella-ricerca/programmi-federali-di-promozione-della-cooperazione-bilaterale-n.html