Organizzazione europea per la ricerca astronomica ESO, Garching presso München, compresi gli osservatori in Cile

space16

© ESO

Lo scopo dell’ESO, fondata nel 1962, è costruire, equipaggiare e gestire osservatori astronomici situati nell’emisfero australe (in Cile) e promuovere la collaborazione europea nel settore della ricerca astronomica.

Fanno parte dell’organizzazione l’Austria, il Belgio, la Danimarca, la Finlandia, la Francia, la Germania, l’Italia, l’Olanda, la Polonia, il Portogallo, il Regno Unito, la Repubblica ceca, la Spagna, la Svezia e la Svizzera.

L’ESO è oggi la colonna portante dell’astronomia europea. Le sue attività scientifiche, svolte prevalentemente da astronomi distaccati dai Paesi membri, comprendono tutti gli ambiti dell’astronomia moderna. Le ricerche praticate forniscono risposte almeno parziali a diverse questioni riguardanti l’origine e l’evoluzione dell’universo.

Gli osservatori dell’ESO, situati nel deserto cileno di Atacama, offrono agli astronomi europei numerosi strumenti di osservazione dell’ultima generazione.

Combinés entre eux, les quatre miroirs du Very Large Telescope (VLT) forment le plus puissant télescope optique terrestre.

L'osservatorio di La Silla conta una mezza dozzina di telecopi ottici di medie dimensioni (tra cui il telescopio svizzero di 1,2 m dell'osservatorio di Ginevra).

L'osservatorio del Paranal è la sede del Very Large Telescope (VLT) con i suoi quattro telescopi identici, dotati di specchi di 8,2 m di diametro. La loro precisa interazione ne fa, attualmente, il telescopio ottico più potente del mondo: in modalità interferometrica (VLTI) raggiunge una risoluzione angolare tanto elevata da equivalere a un telescopio di 130-200 m di diametro.

L'ESO rappresenta inoltre i suoi membri nell'ambito del progetto internazionale ALMA (Atacama Large Millimeter Array), una rete di 64 radiotelescopi con un diametro di 7-12 m ciascuno installati a 5100 m di altitudine sull'altipiano del Chajnantor.

Il progetto ALMA è stato inaugurato ufficialmente nel 2013, anche se le prime osservazioni scientifiche erano già stata svolte nel 2011 in una parte dell'impianto. Quest'ultimo viene gestito congiuntamente dall'ESO, dagli Stati Uniti e dal Giappone.

I preparativi per il prossimo progetto ESO, altamente ambizioso, hanno già preso il via:

L'E-ELT (European Extremely Large Telescope) sarà un telescopio di 39 m con uno specchio primario composto da 798 segmenti esagonali, uno specchio secondario con un diametro di 4 m e altri tre specchi che costituiranno il sistema di ottica adattiva per la stabilizzazione dell'immagine.

Un tale E-ELT vanterà una sensibilità di oltre cento volte superiore al VLT e sarà il più grande telescopio del mondo per la luce visibile e le vicine onde infrarosse. Sarà costruito sul Cerro Armazones entro il 2025.

Partecipazione svizzera

La partecipazione svizzera all'ESO consente ai nostri ricercatori di accedere e sfruttare l'intera infrastruttura dell'organizzazione.

Grazie all'eccellente qualità degli istituti di astronomia di Basilea, Berna, Ginevra, Losanna e Zurigo - principali beneficiari dalla partecipazione svizzera all'ESO e, per quanto riguarda l'astronomia spaziale, all'ESA - la ricerca astrofisica praticata nel nostro Paese gode di un'ottima reputazione internazionale. Essa comprende l'esplorazione di esopianeti, stelle e galassie.

L'industria svizzera partecipa con successo alle gare d'appalto dell'ESO. Negli ultimi 15 anni, infatti, il ritorno industriale si è quadruplicato, facendo salire il relativo coefficiente dallo 0,41 all'1,55. Chi è interessato ai bandi dell'ESO può rivolgersi allo «Swiss ILO Office».

Di regola la Svizzera si assume quasi il 5 per cento del bilancio annuale dell'ESO, che ammonta a circa 200 milioni di franchi, e contribuisce in questo modo allo sviluppo dell'infrastruttura.

Ulteriori informazioni

Contatto

SEFRI, Bruno Moor

Delegato svizzero nelConsiglio dell’ESO
Delegato per le organizzazioni internazionali di ricerca

T +41 58 462 96 78

SEFRI, Astrid Vassella

Delegata della Svizzera nelComitato finanziario dell’ESO
Consulente scientifica nell’unità Cooperazione internazionale nella ricerca e nell’innovazione

T +41 58 462 88 87

Stampare contatto

https://www.sbfi.admin.ch/content/sbfi/it/home/temi/cooperazione-internazionale-nel-campo-della-ricerca-e-dell-innov/partecipazione-della-svizzera-a-organizzazioni-di-ricerca-intern/organizzazione-europea-per-la-ricerca-astronomica-eso--garching-.html