La segretaria di Stato Hirayama partecipa all’evento di lancio di Orizzonte Europa e all’incontro informale dei ministri UE

Berna, 02.02.2021 - Oggi, 2 febbraio 2021, la segretaria di Stato Martina Hirayama ha partecipato in videoconferenza all’evento di lancio di Orizzonte Europa, il 9° programma quadro dell’UE per la ricerca e l’innovazione. Domani, 3 febbraio, rappresenterà invece la Svizzera in occasione della riunione informale dei ministri della ricerca e dell’innovazione degli Stati dell’UE. L’evento di lancio di Orizzonte Europa era incentrato sui contenuti del programma e su come dovrà contribuire a rafforzare lo spazio europeo della ricerca. La riunione ministeriale, dal canto suo, verterà invece sulle modalità per promuovere le carriere di ricerca coinvolgendo le istituzioni di finanziamento sia pubbliche che private. Con la sua presenza la Svizzera intende sottolineare il suo ruolo di partner attivo e a tutti gli effetti nello spazio europeo della ricerca e dell’innovazione.

Il 2 febbraio 2021 è avvenuto il lancio, in videoconferenza, del 9° programma quadro dell’UE per la ricerca e l’innovazione. All’evento online hanno partecipato rappresentanti della Commissione europea, degli ambienti economici e delle università europee nonché i ministri della ricerca e dell’innovazione, tra cui la segretaria di Stato Martina Hirayama. Quest’ultima ha sottolineato quanto sia importante la cooperazione europea in materia di ricerca e innovazione in particolare per affrontare sfide globali come la pandemia di Covid-19. La Svizzera sostiene varie iniziative orchestrate a livello europeo e, con la sua partecipazione a Orizzonte Europa, è determinata a contribuirvi anche in futuro facendo confluire le sue competenze specialistiche in settori d’avanguardia. Martina Hirayama ha comunicato ai suoi interlocutori europei che la Svizzera ha compiuto tutte le tappe necessarie per aderire al programma quadro: il Parlamento svizzero ha approvato il messaggio sul finanziamento nel 2020 e il Consiglio federale ha definito il mandato di negoziazione. Il nostro Paese è quindi pronto per entrare in trattative con l’UE.

All’indomani di questo evento la segretaria di Stato Hirayama parteciperà alla riunione informale dei ministri della ricerca e dell’innovazione degli Stati dell’UE, che si svolge due volte all’anno. Il Portogallo – che attualmente detiene la presidenza del Consiglio dell’UE – ha stabilito come tema principale le modalità con cui le istituzioni pubbliche e private possono promuovere carriere di ricerca allettanti all’interno dello spazio europeo della ricerca. La Svizzera è favorevole a maggiori cooperazioni e iniziative europee per attirare da tutto il mondo e mantenere in Europa i migliori talenti. La segretaria di Stato metterà l’accento sull’esperienza maturata in Svizzera, in particolare con i progetti del Fondo nazionale svizzero intesi a promuovere e seguire le carriere di ricerca nonché con le collaborazioni tra istituzioni pubbliche e imprese private. La Svizzera è disposta anche in futuro a condividere queste conoscenze e competenze nel contesto degli scambi europei.

Orizzonte Europa
Orizzonte Europa durerà dal 2021 al 2027. Forte di un budget complessivo di ben 95 miliardi di euro, è il più grande programma di finanziamento della ricerca e dell’innovazione del mondo. Insieme al pacchetto straordinario per la ripresa economica «Next Generation EU», Orizzonte Europa intende promuovere la trasformazione verde e digitale in tutta l’Europa. La Svizzera punta a una piena associazione, status che aveva già nel programma precedente Orizzonte 2020. L’UE sta attualmente mettendo a punto le basi giuridiche per la prossima generazione di programmi. Successivamente avvierà i negoziati per gli accordi di associazione con Paesi terzi.


Indirizzo cui rivolgere domande

Comunicazione
Segreteria di Stato per la formazione, la ricerca e l’innovazione (SEFRI)
medien@sbfi.admin.ch


Pubblicato da

Segreteria di Stato per la formazione, la ricerca e l'innovazione
http://www.sbfi.admin.ch

Zeitungsständer

Abbonamento alle news

https://www.sbfi.admin.ch/content/sbfi/it/home/attualita/comunicati-stampa.msg-id-82198.html