Svizzera e Germania si sono incontrate a Berlino per discutere di educazione, ricerca e innovazione

Berna, 16.09.2021 - Il 16 e il 17 settembre si è tenuto a Berlino l'incontro annuale tra la Segreteria di Stato per la formazione, la ricerca e l'innovazione (SEFRI) e il Ministero dell'istruzione e della ricerca tedesco (Bundesministerium für Bildung und Forschung, BMBF). La capodelegazione Maria Peyro Voeffray, responsabile ad interim della divisione Relazioni internazionali della SEFRI, e Susanne Burger, responsabile della divisione Cooperazione europea e internazionale del BMBF, hanno espresso la loro soddisfazione per la consolidata collaborazione nel settore dell'educazione, della ricerca e dell'innovazione. L'incontro è stata l'occasione per una prima serie di colloqui tra rappresentanti di Innosuisse e SPRIN-D, l'agenzia federale tedesca per l'innovazione, creata alla fine del 2019.

Nel corso del 14o incontro di lavoro, che si è svolto a Berlino, i membri delle delegazioni hanno discusso degli sviluppi politici che possono influire sulle attività in corso nel settore dell'educazione, della ricerca e dell'innovazione (ERI) e sulla cooperazione bilaterale Svizzera‒Germania. I temi principali in agenda: le misure attuate nel settore ERI per superare le difficoltà legate alla pandemia; lo Spazio europeo della ricerca e la possibilità di una futura associazione della Svizzera a Erasmus+ e al programma quadro europeo per la ricerca e l'innovazione Horizon Europe; e le forme di cooperazione extraeuropea. Nel quadro dell'incontro si sono svolti colloqui anche tra rappresentanti di Innosuisse, l'Agenzia svizzera per la promozione dell'innovazione, e SPRIN-D, la neocostituita agenzia federale tedesca per l'innovazione.
Le due delegazioni hanno inoltre discusso della collaborazione in ambito di formazione professionale e del nuovo accordo per il riconoscimento reciproco dei titoli professionali, sottoscritto in febbraio dalla segretaria di Stato Martina Hirayama e dalla ministra tedesca dell'educazione Anja Karliczek, ed entrato in vigore il 1o settembre.

La Germania è sicuramente il partner più importante della Svizzera nel settore ERI. Sul piano quantitativo, l'importanza di questa collaborazione e l'eccellenza della rete di collaborazione tra ricercatori e istituzioni di ricerca e di innovazione dei due Stati sono testimoniate dai circa 1650 progetti di cooperazione congiunta promossi in virtù del programma quadro dell'Unione europea per la ricerca e l'innovazione Horizon 2020 (2014‒2020). Se si considerano i progetti a cui hanno partecipato ricercatori tedeschi, tra il 2016 e il 2020 il Fondo nazionale per la ricerca scientifica ne ha finanziati circa 4700, Innosuisse quasi 110. Nell'anno accademico in corso le scuole universitarie svizzere ospitano circa 12'000 studenti tedeschi (considerati soltanto gli studenti in possesso di un titolo estero): si tratta del gruppo di studenti stranieri più numeroso. Attualmente gli studenti svizzeri in Germania sono invece circa 3700.


Indirizzo cui rivolgere domande

Comunicazione
Segreteria di Stato per la formazione, la ricerca e l’innovazione SEFRI
medien@sbfi.admin.ch


Pubblicato da

Segreteria di Stato per la formazione, la ricerca e l'innovazione
http://www.sbfi.admin.ch

Zeitungsständer

Abbonamento alle news

https://www.sbfi.admin.ch/content/sbfi/it/home/attualita/comunicati-stampa.msg-id-85135.html