Coaching formazione continua per le PMI

Organizzazioni del mondo del lavoro chiamate a presentare domande di progetto alla SEFRI

In Svizzera l’offerta di formazione continua è ampia e variegata. Per le PMI può però essere un problema rilevare i propri bisogni di formazione continua e trovare offerte adeguate. È qui che entra in gioco l’idea del «coaching formazione continua per le PMI». La SEFRI offre sostegno ad associazioni di categoria interessate a sviluppare e testare questo tipo di coaching nel proprio settore.

Le associazioni di categoria conoscono meglio di chiunque altro i cambiamenti e le concrete opportunità di formazione continua nei rispettivi settori. Per questo motivo il «coaching formazione continua per le PMI» va sviluppato con un approccio settoriale. È quindi necessario elaborare e testare diversi modelli di coaching svolgendo una serie di progetti pilota. Questa procedura permette inoltre alle associazioni settoriali di basarsi sulle prestazioni già esistenti per poi integrarle con un’offerta di coaching per PMI.

Il «coaching formazione continua per le PMI» mira ad affiancare il management delle PMI nello sviluppo del personale. L’obiettivo è identificare precocemente i cambiamenti e le opportunità che si delineano in un determinato settore, compresi i megatrend come la digitalizzazione o la sostenibilità. I manager delle PMI possono così valutare le competenze di cui la propria azienda avrà bisogno in futuro e confrontarle con quelle dei loro dipendenti. Se rilevano la necessità di un intervento, hanno la possibilità di proporre ai propri collaboratori forme e offerte di formazione continua commisurate alle esigenze.

Nel 2021 la SEFRI offre sostegno a circa 3-5 associazioni di categoria che sono interessate a sviluppare e testare questo tipo di coaching nel proprio settore. Per garantire che le esperienze e gli strumenti dei singoli progetti pilota possano essere utilizzati anche in altri progetti è previsto un regolare trasferimento di conoscenze.

Il coaching formazione continua per le PMI va inteso come complemento alle offerte esistenti, tra cui le consulenze per singoli individui e aziende nei centri cantonali per l’orientamento professionale, universitario e di carriera o le prestazioni gratuite di viamia per gli «over 40», che comprendono un bilancio della situazione individuale e una consulenza personalizzata. Inoltre, diverse associazioni di categoria e operatori della formazione continua offrono già oggi prestazioni ritagliate sui bisogni delle aziende.

1. Condizioni di partecipazione ai progetti pilota
I progetti pilota dovranno fornire i seguenti risultati:

  • rilevare il fabbisogno di consulenza delle PMI di un determinato settore;
  • elaborare e testare strumenti atti al coaching formazione continua per le PMI (con un approccio settoriale):
    aiutare le PMI a individuare il fabbisogno di formazione continua dei propri collaboratori;
    aiutare le PMI a individuare gli sviluppi e i trend futuri e a capire quali saranno le competenze richieste sul mercato del lavoro e al loro interno;
  • sviluppare modelli di finanziamento sostenibili per i servizi preposti alla formazione continua dei diversi settori;
  • disponibilità a partecipare allo scambio di esperienze con altri progetti pilota.

I risultati dovranno essere trasferibili ad altri settori e progetti.

2. Consulenza e accompagnamento dei progetti pilota
Su richiesta, la SEFRI aiuta le associazioni settoriali interessate a presentare una domanda di progetto. Una prima bozza aiuta permette di chiarire le aspettative reciproche e a concretizzare la domanda.
A livello sovraordinato è anche previsto un gruppo di supporto tecnico che dovrà garantire lo scambio di informazioni ed esperienze tra i singoli responsabili di progetto.

3. Finanziamento dei progetti pilota
Per il finanziamento dei progetti pilota fanno stato le disposizioni della SEFRI sulla promozione di progetti (LFPr art. 54 e 55). I progetti pilota sono finanziati per il 60 per cento dalla Confederazione e per il 40 per cento dai richiedenti.

4. Scadenze
Le prime bozze di progetto vanno presentate entro la fine di novembre 2021. I progetti pilota saranno lanciati al più tardi nel 2022 e dureranno al massimo tre anni.

5. Procedura
Prima di inoltrare la domanda di contributi, si raccomanda agli interessati di presentare una bozza di progetto tramite il modulo online o via e-mail a projektfoerderungbb@sbfi.admin.ch. La SEFRI provvederà a valutarla, a dare un feedback ai responsabili e a informarli sulle tappe successive.

I richiedenti possono inviare la propria documentazione di progetto (budget compreso) o utilizzare i moduli messi a disposizione sul sito della SEFRI.

I criteri per la promozione di progetti secondo gli articoli 54 e 55 LFPr sono specificati nella Direttiva per la concessione di contributi federali.

6. Contatto
Per maggiori informazioni rivolgersi a Sandra Müller, responsabile di progetto SEFRI, sandra.mueller@sbfi.admin.ch o 058 465 48 91.

Contatto

SEFRI, Sandra Müller
Responsabile di progetto

https://www.sbfi.admin.ch/content/sbfi/it/home/formazione/f-c/formazione-continua-in-azienda/coaching-formazione-continua-pmi.html