Governance in Vocational and Professional Education and Training (GOVPET)

La leading house GOVPET, diretta dal professor Patrick Emmenegger dell’Università di San Gallo, ha iniziato la sua attività nel luglio del 2015 in cooperazione con l’Università di Losanna, lo IUFFP di Zollikofen e l’Università di Colonia. L’obiettivo è effettuare un’analisi comparativa della governance nella formazione professionale.

Il programma di ricerca della leading house GOVPET ha per oggetto i sistemi formativi in Austria, Danimarca, Germania, Paesi Bassi e Svizzera. La leading house analizza in che modo garantire forme stabili di cooperazione decentrata nonostante il rischio costante che tale cooperazione si interrompa. Uno degli obiettivi è incentivare i privati ad avviare cooperazioni collettive sul lungo periodo. La leading house esamina inoltre in che modo la politica può motivare il settore privato ad assumere una prospettiva collettiva, anche quando quest’ultima non corrisponde ai suoi interessi a breve termine. Gli interventi statali svolgono un ruolo importante soprattutto quando si tratta di integrare le persone svantaggiate nel sistema della formazione professionale. La leading house studia infine come adattare i sistemi di formazione professionale duale alle nuove sfide e sonda gli interessi che prevalgono nella riforma di tali sistemi.

Per quanto riguarda la cooperazione decentralizzata, ossia quella tra attori privati, l’esame della leading house parte dalla Svizzera e tiene conto dei diversi livelli statali in cui avviene tale cooperazione. Di particolare interesse in questo contesto sono le organizzazioni del mondo del lavoro (oml), fondamentali per la formazione professionale duale. In relazione a questa priorità di ricerca sarà creata una banca dati di tutte le oml impegnate nella formazione professionale.

In secondo luogo, la leading house GOVPET si interroga su cosa può fare il settore pubblico per persuadere quello privato a perseguire anche obiettivi volti al benessere collettivo. La priorità in questo ambito d’analisi è studiare l’inclusione nel sistema formativo di persone svantaggiate. Anche in questo caso la tematica è suddivisa in vari progetti. In uno di essi la leading house esamina le prassi di assunzione dei datori di lavoro. Un altro progetto si concentra sull’impostazione della formazione di base di due anni, mentre un terzo riguarda l’integrazione dei rifugiati attraverso specifici programmi di formazione professionale.

L’evoluzione dei sistemi di formazione professionale segue le tendenze sociali. Nei suoi studi comparativi internazionali la leading house GOVPET esamina come i sistemi di formazione professionale duale affrontino le nuove sfide, tra cui rientrano alcuni processi sociali fondamentali quali il cambiamento demografico, la digitalizzazione e la globalizzazione. L’attenzione si concentra sui diversi attori e aspetti del sistema della formazione professionale, come i processi di riforma a tutti i livelli. La leading house GOVPET esamina per esempio in modo approfondito, in diversi studi, la formazione di base di due anni (chiamata in precedenza «formazione empirica»), la formazione di base di tre e quattro anni e la formazione professionale superiore. Attraverso un’indagine basata su un confronto nazionale e internazionale (tra Svizzera, Austria e Germania), analizza inoltre come integrare nella formazione professionale anche le imprese multinazionali.

La leading house GOVPET fornisce informazioni importanti per comprendere meglio le condizioni, i punti forti e i punti deboli per la riuscita della cooperazione decentrata nell’ambito del sistema formativo. Questi risultati contribuiscono anche all’obiettivo generale costituito dall’inclusione sociale.

https://www.sbfi.admin.ch/content/sbfi/it/home/formazione/gestione-e-politica-della-formazione-professionale/ricerca-sulla-formazione-professionale/leading-houses/govpet.html