L’atteggiamento dell’opinione pubblica nei confronti del ruolo dello Stato e della disponibilità di posti di tirocinio nelle aziende private: risultati dal sistema di formazione professionale svizzero

Istituto universitario federale per la formazione professionale IUFFP

Direzione: Dr. Andreas Kuhn, Prof. Dr. Jürg Schweri

Durata: 01.09.2016 – 28.02.2018

Da una precedente ricerca è emerso che gran parte delle aziende di tirocinio sono disposte ad accollarsi gli ingenti costi della formazione professionale (in quanto è stato anche dimostrato che la formazione dei tirocinanti apporta benefici in media già nel breve periodo). Questo orientamento può essere spiegato con il fatto che le aziende di tirocinio operano in ossequio alle norme sociali e andando incontro alle aspettative del mercato del lavoro in cui operano. Con questo progetto di ricerca intendiamo affrontare la questione se la norma sociale sulla fornitura privata (piuttosto che pubblica) di beni pubblici influisca sulle aziende inducendole a mettere a disposizione dei posti di tirocinio.

L’analisi empirica del progetto si basa sui dati provenienti da tre studi trasversali, riguardanti i costi e i benefici monetizzati nel breve periodo dalle aziende che offrono posti di tirocinio («Kosten-Nutzen-Studien»). Per misurare l’impatto della norma sociale che tradizionalmente colloca la formazione professionale nel settore privato, i ricercatori si avvarranno dei risultati di due votazioni avvenute a livello comunale, che invocavano un maggiore coinvolgimento dello Stato nella formazione professionale. Entrambe le votazioni coprono il territorio svizzero e forniscono dati disaggregati a livello comunale sulla severità di giudizio dell’opinione pubblica nei confronti della fornitura privata di beni pubblici. È inoltre previsto l’impiego di dati provenienti da fonti alternative (come il Censimento svizzero), da metodi a effetti fissi per verificare l’esistenza di meccanismi di spiegazione alternativa, osservati e non osservati, e da metodi a strumento variabile per gestire gli imminenti problemi di causalità inversa. I ricercatori ipotizzano che a parità di condizioni, l’incidenza e l’intensità della formazione professionale nel settore privato sia più alta nelle regioni in cui la norma sociale sulla fornitura di formazione da parte del settore privato è più severa; e che vi sia una maggiore probabilità di posti di tirocinio con costi netti durante il periodo di tirocinio nelle regioni in cui la norma sociale nei confronti della fornitura di tirocinio da parte del settore privato è più severa. I ricercatori ritengono inoltre che l’impatto delle norme sociali dipenda anche dalle caratteristiche dell’azienda (p. es. le sue dimensioni) e/o del luogo (p. es. le dimensioni della località). Ciò consente loro di testare ipotesi addizionali atte a verificare la plausibilità delle stime principali.

Questa ricerca rappresenta il primo studio empirico sull’importanza delle norme sociali nel comportamento delle aziende di tirocinio. I risultati di tale studio integreranno le prove emerse dalla ricerca sulla formazione professionale relative agli elementi che determinano il comportamento delle aziende nei confronti della formazione professionale. Tali elementi indicano in particolare la possibilità di trasferire (in parte) il sistema della formazione professionale svizzero in altri Paesi, in quanto evidenziano l’impatto svolto dalle norme sociali o culturali nella fornitura di posti di apprendistato da parte delle aziende.

Sito web

https://www.sbfi.admin.ch/content/sbfi/it/home/formazione/gestione-e-politica-della-formazione-professionale/ricerca-sulla-formazione-professionale/progetti-singoli/werte-und-normen/oeffentliche-einstellungen-gegenueber-der-rolle-des-staates-und-.html