Parco svizzero dell’innovazione

ch_innovationspark

Il parco svizzero dell’innovazione contribuisce a consolidare la leadership e a garantire la competitività della Svizzera nel campo dell’innovazione. Inaugurato agli inizi del 2016, il «parco» comprende due sedi presso i politecnici federali di Zurigo e Losanna e altre quattro sedi situate, rispettivamente, nel Cantone di Argovia, nella Svizzera nordoccidentale, a Bienne e nella Svizzera orientale. A queste sei sedi sono connessi diversi siti regionali. Nel contesto del parco svizzero dell’innovazione la Confederazione svolge un ruolo sussidiario.

Karte_Innovationspark_webBaselInnovaareOstZurichBiel/BienneWest EPFL

Il parco svizzero dell’innovazione è un’iniziativa di partenariato pubblico-privato d’importanza nazionale. È gestita congiuntamente dagli ambienti della politica (Confederazione e Cantoni), della scienza e dell’economia. L’obiettivo è far crescere gli investimenti privati nella ricerca e nello sviluppo in Svizzera e integrare in modo mirato gli strumenti di promozione esistenti. La novità dell’approccio adottato consiste nell’incrementare l’attrattiva del nostro Paese per le unità internazionali di ricerca e sviluppo mettendo a disposizione per eventuali insediamenti aziendali superfici e siti adatti presso determinate università e aziende e offrendo potenzialità di espansione sufficientemente ampie.

Costante processo di realizzazione ed espansione

Nel 2014 il Consiglio federale aveva approvato la struttura iniziale proposta dalla Conferenza dei direttori cantonali dell'economia pubblica (CDEP), che prevedeva di suddividere il «parco» in quattro sedi: due presso i politecnici federali di Zurigo e Losanna, una nel Cantone di Argovia e una nella Svizzera nordoccidentale. A maggio 2015 l’Esecutivo ha poi deciso nell’ambito di una procedura successiva di aggiungervi la sede di Bienne. Ad aprile 2021 il Consiglio federale ha approvato il progetto d’integrazione del parco dell’innovazione Est, come sesto ente responsabile, nella rete globale del parco svizzero dell’innovazione. Nello stesso anno i parchi dell’innovazione della Svizzera centrale e del Ticino hanno aderito all’ente responsabile «Switzerland Innovation Park Zürich», unendosi così alla rete nazionale.

Misure della Confederazione

Gli attuali strumenti usati dalla Confederazione per promuovere la ricerca e l’innovazione sono disponibili anche per le attività svolte nelle sedi del parco svizzero dell’innovazione. Per promuovere maggiormente lo sviluppo del parco dell’innovazione, la Confederazione prevede due ulteriori misure.

  • Garanzie della Confederazione: un credito quadro di 350 milioni di franchi permette di garantire i prestiti a destinazione vincolata a favore degli enti responsabili. Questi ultimi possono contrarre prestiti a condizioni preferenziali per finanziare le infrastrutture di ricerca nei rispettivi siti. Tali garanzie sono limitate nel tempo e destinate a uno scopo ben preciso;
  • Cessione di fondi: per la realizzazione del parco dell’innovazione la Confederazione può cedere fondi di sua proprietà in diritto di superficie.

Una fondazione come organizzazione mantello

L’esercizio del parco svizzero dell’innovazione non compete alla Confederazione, bensì alla fondazione «Switzerland Innovation». È lei l’interlocutore della Confederazione per tutte le questioni riguardanti il «parco». La fondazione interconnette e coordina l’operato delle sedi, posiziona il parco dell’innovazione nel contesto della concorrenza internazionale dei poli d’innovazione e contribuisce a incrementare in Svizzera la visibilità delle sedi e dei progetti d’innovazione collaborando con altri attori (p. es. Switzerland Global Enterprise e Innosuisse). La fondazione provvede inoltre a garantire lo sviluppo del parco dell’innovazione.

In via di principio le singole sedi e gli enti responsabili del parco dell’innovazione sono cofinanziati dai rispettivi Cantoni e da investitori privati (modello di partenariato pubblico-privato). L’esercizio, la manutenzione e la messa a disposizione di superfici per insediamenti aziendali sono a carico dei Cantoni e di soggetti privati. I siti e le sedi della rete generano entrate dalla locazione di superfici e dalla prestazione di servizi. A medio termine dovrebbero riuscire ad autofinanziarsi.

Ulteriori informazioni

Contatto

SEFRI, Daniel Egloff
Capounità
Innovazione
T +41 58 462 84 15

Stampare contatto

https://www.sbfi.admin.ch/content/sbfi/it/home/ricerca-e-innovazione/ricerca-e-innovazione-in-svizzera/parco-svizzero-dellinnovazione.html